martedì 29 settembre 2015

Dio ci vede buoni


1)-Dio ci vede buoni.

- «Dio vide quanto aveva fatto, ed ecco, era cosa molto buona» (dal Libro della Gen) Tutto ciò che Dio crea è bello e buono, intriso di sapienza e di amore; l'azione creatrice di Dio porta ordine, immette armonia, dona bellezza.

2) Dio non ha nemici.
- Dio è amore e l'Amore non ha nemici.

Dalla lettera di Paolo ai Galati:
Mediante la carità, fatevi schiavi gli uni degli altri (5,13).
- Il modello di amore a cui il cristiano deve ispirarsi è Dio Padre o
Gesù;
- l'amore è dono totale e gratuito di sé, cioè volere il bene dell'altra persona
(compreso il nemico) disinteressatamente.
Si noti che il concetto di amore che propone Gesù non è identico a quello
proposto dalla ragione umana: sarà sempre difficile per la ragione umana
accettare che si debbano amare anche i nemici senza vendicarsi di loro e facendo
loro del bene.

Signore dammi il tuo amore e aiutami ad amare specialmente i miei nemici.

Ave Maria!

Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa