domenica 17 novembre 2013

Santa Elisabetta d'Ungheria

20/10/2010 - Santa Elisabetta d'Ungheria (Udienza generale)

Santa Elisabetta d'Ungheria

Santa Elisabetta d'Ungheria
Santa Elisabetta d'Ungheria
"Video in italiano"
Oggi voglio parlarvi di una delle donne del Medioevo che ha suscitato l'ammirazione è più santa Elisabetta d'Ungheria, chiamata anche Elisabetta di Turingia.
Nato nel 1207, gli storici discutono sul luogo. Suo padre era Andrea II, ricco e potente re di Ungheria, il quale, per rafforzare la politica, aveva sposato la contessa tedesca Gertrude di Andechs-Meran, sorella di santa Edvige, che era la moglie del duca di Slesia. Elisabetta visse nella Corte ungherese solo i primi quattro anni della sua infanzia, insieme a una sorella e tre fratelli. Gli piaceva il gioco, la musica e la danza; fedelmente pregato loro preghiere e mostrava già particolare attenzione verso i poveri, che aiutava con una buona parola o un gesto d'affetto .
Spaziani
Spaziani
La sua infanzia felice è stata interrotta quando, i signori della Turingia lontane venuto a portarla alla sua nuova casa nella Germania centrale. Infatti, secondo i costumi del tempo, il padre aveva deciso di diventare principessa Elisabetta di Turingia . Il langravio o conte di quella regione era uno dei sovrani più ricchi ed influenti d'Europa all'inizio del XIII secolo, e il castello era centro di magnificenza e di cultura. Ma dietro i partiti e la gloria apparente nascondeva le ambizioni dei principi feudali, spesso in guerra tra di loro e in conflitto con le autorità reali ed imperiali . In questo contesto, il langravio Hermann molto volentieri accolto il fidanzamento tra suo figlio Ludovico e la principessa ungherese. Isabel ha lasciato la sua patria con una ricca dote e un grande seguito, comprese le loro ancelle personali, due delle quali erano amici fedeli fino alla fine. Sono loro che ci hanno dato preziose informazioni sui bambini e la vita del santo.
Dopo un lungo viaggio è venuto a Eisenach, per salire dopo la fortezza di Wartburg, il possente castello che domina la città. Dove ha ricoperto il compromesso tra Luis e Isabel . Negli anni successivi, mentre Luis imparato il mestiere di cavaliere, Isabel e le sue compagne hanno studiato tedesco, francese, latino, musica, letteratura e ricamo. Anche se il corteggiamento aveva deciso per ragioni politiche tra i due giovani nacque un amore sincero, animato dalla fede e dal desiderio di fare la volontà di Dio . All'età di 18 anni, Luis, dopo la morte del padre, iniziò a regnare in Turingia. Ma Isabella divenne oggetto di giudizi di sovrapposizione, perché il suo modo di vita non era per il taglio. Così, anche il matrimonio non era sontuoso e costi monetari del banchetto è stato dato in parte ai poveri . Nella sua profonda sensibilitàElisabetta vedeva le contraddizioni tra la fede professata e la pratica cristiana . Non stare in piedi compromesso.
Una volta che si entra in chiesa nella festa dell'Assunzione, si tolse la corona, metterla davanti alla croce e laici prostrata al suolo con il volto coperto. Quando sua madre la rimproverò per quel gesto, ella rispose: "Come posso io, creatura miserabile, continuare ad indossare una corona di dignità terrena, quando vedo il mio Re Gesù coronato di spine?".
Ha agito con i suoi soggetti nello stesso modo in cui si comportava davanti a Dio . Nelledichiarazioni dei quattro fanciulle trovare questa testimonianza: "Io non mangiare cibo senza prima era sicuro che è venuto dalle proprietà e dei beni di legittima del marito. Invece, si è astenuto da prodotti realizzati illegalmente, e curato anche risarcire coloro che avevano subito violenza " (nn. 25 e 37). Un vero esempio per tutti coloro che occupano posizioni di comando: l'esercizio dell'autorità, a tutti i livelli, deve essere vissuto come servizio alla giustizia e alla carità, nella costante ricerca del bene comune .
Santa Elisabetta d'Ungheria
Isabel praticato assiduamente le opere di misericordia: è stato a mangiare bere e che chiamava alla sua porta, a condizione che i vestiti, pagare i debiti, si prese cura dei malati e seppellito i morti . Scendendo dal suo castello, si recava spesso con il suo ancelle nelle case dei poveri, avevamo pane, carne, farina e altri alimenti. . Personalmente consegnato cibo e vestiti accuratamente controllati e letti poveri Quando segnalato questo comportamento di suo marito, che non era solo sconvolto, ma gli accusatori, ha dichiarato:"Anche se io non vendo il castello, contento ' . In questo contesto, vi è il miracolo del pane trasformato in rose: mentre Elisabetta era sulla strada con il suo grembiule pieno di pane per i poveri, incontrò il marito ha chiesto che cosa indossava. Lei aprì il grembiule e, invece del pane, comparvero magnifiche rose. Questo simbolo di carità è presente molte volte nelle raffigurazioni di santa Elisabetta .
Il loro matrimonio era profondamente felice : Elisabetta aiutava il marito a sollevare le loro qualità umane a livello soprannaturale, ed egli, a sua volta, protetto la sua donna nella sua generosità verso i poveri e le pratiche religiose. Sempre più ammirato la grande fede di sua moglie, Luis, riferendosi alla sua cura per i poveri, ha detto: "Cara Elisabetta, è Cristo che si sono lavati, nutriti e curati" . Una chiara testimonianza di come la fede e l'amore per Dio e per il prossimo rafforzano la vita familiare e rendere ancora più profondo il matrimonio.
Profimedia
Profimedia
La giovane coppia trovò appoggio spirituale nei Frati Minori, che, dal 1222, si diffuse in Turingia. Tra loro Frère Roger ha scelto Isabel (Rüdiger) come direttore spirituale. Quando ha raccontato la storia della conversione del giovane e ricco mercante Francesco d'Assisi , Elisabetta era eccitato ancora di più nel suo modo di vivere cristiano. Da allora, più decisamente seguì ancora Cristo povero e crocifisso, presente nei poveri . Anche quando nacque il loro primo figlio, seguito poi due, il nostro santo non abbandonò mai le sue opere di beneficenza . Ha anche aiutato i Frati Minori a costruire un convento a Halberstadt, di cui frate Ruggero divenne maggiore. La direzione spirituale di Isabel è andato bene, Corrado di Marburgo.
Una dura prova fu addio al marito, a fine giugno del 1227 quando Ludovico IV unì alla crociata dell'imperatore Federico II, ricordando a sua moglie che era una tradizione per i sovrani di Turingia. Isabel ha detto: "Non voglio tenere. Ho presentato tutta me stessa a Dio ed ora devo dare a te ". Tuttavia, la febbre decimò le truppe e Luis si ammalò e morì ad Otranto, prima di imbarcarsi, nel settembre del 1227, all'età di ventisette anni. Isabel, dopo aver sentito la notizia, era così afflitto che si ritirò in solitudine, ma poi rafforzato dalla preghiera e consolata dalla speranza di rivederlo in Cielo di nuovo si è interessata negli affari del regno. Ma aspetta un altro test:. Suo fratello usurpò il governo della Turingia, dichiarandosi vero erede di Ludovico e accusando Elisabetta di essere una donna devota inadatto a governare 's giovane vedova con tre figli, fu cacciata dal castello di Wartburg e ricercato un luogo di rifugio . Solo due delle sue figlie è rimasta al suo fianco, e accompagnato i suoi tre bambini affidati alle cure di amici di Luis. Wandering i villaggi, Isabel ha lavorato dove ha ricevuto accoglienza, curando i malati, filava e cuciva. Durante questa prova, sostenuto con grande fede, pazienza e dedizione a Dio, alcuni parenti, che sono rimasti fedeli e considerati governo illegittimo di suo fratello, il suo nome riabilitato . Così Isabel, nei primi mesi del 1228, potrebbe ricevere un reddito appropriato per ritirarsi nel castello di famiglia a Marburgo, dove abitava anche il suo direttore spirituale Conrado. E 'stato lui che ha fatto riferimento a Papa Gregorio IX il seguente fatto: "Il Venerdì Santo del 1228, mise le mani sopra l'altare della cappella della sua città, Eisenach, dove aveva accolto i Frati Minori, alla presenza di alcuni frati e familiari Elisabetta rinunciò alla propria volontà ea tutte le vanità del mondo. Ho voluto rinunciare anche tutti i possedimenti, ma io dissuaso dal amore per i poveri. Poco dopo costruì un ospedale, raccolse malati e disabili e servita al tavolo per il più miserabile e impotente. A me sgridare per queste cose, Isabel ha risposto che il povero ha ricevuto una grazia e umiltà "speciale (Epistula magistri Conradi , 14-17).
Troviamo in questa affermazione una certa esperienza mistica simile a quella vissuta a San Francisco: in effetti, il Poverello di Assisi dichiarò nel suo testamento che i lebbrosi che servono, che prima sembrava amaro trasformano in dolcezza di anima e di corpo (Testamentum , 1-3). Elisabetta trascorse gli ultimi tre anni della sua vita in ospedale lei fondato, servendo i malati, a guardare oltre i moribondi. sempre cercato di rendere i servizi più umili e lavori ripugnanti . E 'diventato quello che si potrebbe chiamare una donna consacrata in mezzo al mondo ( soror in saeculo ) e formò, con alcuni dei suoi amici, vestita in abiti grigi, una comunità religiosa . Non a caso è patrona del Terzo Ordine Regolare di San Francesco e del l'Ordine Francescano Secolare.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa