mercoledì 22 febbraio 2012

CAMMINIAMO INSIEME VERSO LA PASQUA

CAMMINIAMO INSIEME VERSO LA PASQUA 
(22 febbraio 2012 - Ceneri)

Con l'imposizione delle ceneri, ha inizio la Quaresima, un tempo in cui il Signore si avvicina a noi per scuoterci e portarci a Lui. Come ogni anno questo tempo comincia con il segno delle ceneri. Non tutti sanno che la cenere che si utilizza durante il rito è ricavata dai rami benedetti della domenica delle Palme, come a ricordare la grande festa in cui Gerusalemme accoglie con amore e felicità Gesù che entra in città "Osanna al Figlio di Davide! Benedetto Colui che viene nel Nome del Signore! Osanna nel più alto dei Cieli!". Tutti festosi, lodavano Dio a gran voce per i prodigi che avevano visto e man mano che Gesù passava, stendevano i loro mantelli. Le ceneri che vengono poste sul nostro capo, sono il residuo e tutto quello che rimane
di quell'entusiasmo e di quell'accoglienza. Come in tante cose della vita, anche nel rapporto con Dio ci ritroviamo a volte, presto, con molto poco nelle mani.
Sono molti gli entusiasmi e le passioni che si spengono facilmente, numerosi slanci si perdono nel tempo... e anche il nostro rapporto con Dio avverte le sue fatiche e le sue lentezze. Quella cenere è un invito a far riaccendere in noi quella fiamma d'amore per il Signore, a ravvivare il desiderio di seguirlo, a farci attrarre dalla sua voce, dalla Sua Parola e dalle sue vie. Quella cenere è un invito alla conversione. Fratelli e sorelle amatissimi, accogliamo quest'invito alla conversione e volgiamo il nostro cuore a Lui. Cominciamo con l'Eucarestia domenicale, l'ascolto della Parola, la preghiera e la confessione. Chiediamo al Signore di indicarci le vie da abbandonare, che ci insegni subito a rinnegare il male e a fare il bene. Ricordiamoci anche di digiunare ed essere caritatevoli.

Ave Maria!

Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa