domenica 7 agosto 2011

"Coraggio, sono io (Io-Sono), non abbiate paura!".



 Gesù che cammina sulle acque e viene verso di noi è una rivelazione della sua potenza
divina. Ecco! I discepoli lo vedono avanzare verso di loro, come Mosè e Elia scorsero
Dio sul Monte Sinai, come Giobbe e Daniele lo videro sulle nubi. Furono sconvolti e
gridarono dalla pura e dissero: "E' un fantasma". 
Ma subito Gesù parlò loro incoraggiandoli: "Coraggio, sono io (Io-Sono), non abbiate
paura!". Dove c'è molta paura, c'è poca fede...
Pietro chiese a Gesù di poter camminare anch'egli sulle acque come se fossero terraferma...i suoi passi cominciarono a muoversi spediti ma appena subentrò il soffiare forte il vento si impaurì e chiese aiuto ... "Signore, salvami!". Gesù lo aiutò, dicendogli "Uomo di poca fede, perchè hai dubitato?".
Quante volte anche noi camminiamo senza indugio alcuno, mossi dalla fede, ed anche noi, come Pietro, al sopraggiungere delle prime avversità arrestiamo i  nostri passi, paralizzati dalla paura...GEsù viene in nostro soccorso e ci prende la mano, ammonendoci però, perchè la nostra fede non è così forte come crediamo, e per tal motivo lasciamo che a prendere il sopravvento sia la paura.  

Gesù ci insegna che non dobbiamo avere paura ... senza la Fede nulla possiamo, ma attraverso l'Amore in Cristo nulla ci è precluso e non dobbiamo temere niente e nessuno. Quando ci troviamo nel mare in tempesta, affidiamoci a Lui  : "Gesù pensaci Tu!" la tempesta si diraderà...e nessuna paura riuscirà  a prendere il sopravvento.

Preghiamo:
Signore aiutami a non dubitare di Te, a vincere le mie paure, le mie insicurezze e
 quando sopraggiungerà la tempesta non sarò sola, perchè con me ci sarai Tu...sempre...per sempre.
Cuore di Gesù, confido e spero in Te.


Ave Maria!

Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa