sabato 30 luglio 2011

Testimoni del risorto

ESSERE TESTIMONI DI CRISTO
 

Per essere annunciatori e testimoni di Cristo non occorre essere santi...il nostro compito è semplicemente quello di dire "SI"...il nostro deve essere un atto di Fede!
Per chi ha fede, la Sacra Scrittura diventa Parola di vita...parola che dona la vita, messaggio d'amore di un Dio che nell'amore comunica il suo piano di salvezza e invita tutti gli uomini a rispondere con un "SI" a questa richiesta figlia di un immenso amore.
Gesù nell'annunciare l'adempimento di questo progetto d'amore con la venuta del Regno, si riallaccia alla predicazione dei profeti, servendosi di parabole con esempi che aiutano a comprendere e applicare il suo messaggio. Attraverso le parabole Gesù cerca di stabilire l'incontro e il contatto con Dio e gli uomini durante il cammino quotidiano dell'esperienza umana. Infatti nelle parabole la vita quotidiana diventa manifestazione dell'azione e della presenza di Dio, il quale non è solo racchiuso nella sfera del "sacro", inaccessibile
all'uomo, ma si rivela nella semplicità di tutti i giorni, nei gesti e nelle situazioni comuni di vita e attività degli uomini: genitori e figli, contadini e padroni, pastori e servi, mansioni religiose, tempo e denaro, banchetti e nozze e così via...Ecco il linguaggio di Dio umanizzato da Gesù.

Dio ci ama...l'amore è il centro della nostra esistenza perchè Dio è Amore. Questa è la grande rivelazione di Gesù : bisogna riconoscere e accogliere l'amore di Dio perchè quest'amore risplende nella creazione del mondo e dell'uomo ...perchè questo amore si realizza e umanizza nella storia attraverso Gesù, dono e manifestazione di Dio Padre, che continua per tutti i secoli con la presenza attiva del SUo Santo Spirito; si concretizza in ogni uomo e predilige proprio quelli che hanno più bisogno d'amore : tutti i poveri, gli infelici, i peccatori, gli emarginati.

Ave Maria!

Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa