venerdì 15 agosto 2014

HAI RISORTO IN ME SIGNORE L'AMORE

Gesù mi chiama per nome ed è solo allora che mi accorgo di Lui.

Gesù: Maria... vieni a me: è finalmente il tuo momento.
Eccomi qui davanti a te!
Adesso puoi Maria, coraggio, tocca le ferite e toccherai la verità...
Nel profondo della tua anima tu già lo sai che è già arrivato il tempo nuovo dell'avventura dietro di me!
E dove io ti porterò ti renderò felice perché entrerai in un mondo che ha sete del Dio vivente.

Maria:
Signore mio, mio Tutto, Dio mio!
Io credo in Te, credo che sei il Cristo morto e risorto per noi,
Tu sei la potenza dello Spirito, sei la vita che è risorta, la vita fra noi.

Tu ci hai detto che sarai sempre con noi, fino alla fine dei tempi
e con noi camminerai ed ogni ginocchio si piegherà dinanzi al Trono della Parola e sarai il nostro respiro, il nostro cibo, e quando due o più saranno uniti nel Tuo Nome, Tu sarai più unito.
Tu sei l'amore vivo tra noi!

Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa