giovedì 26 settembre 2013

La sofferenza




 La sofferenza non è il nostro fine ultimo. Il nostro fine ultimo è la felicità. La sofferenza ci prende per mano e ci conduce alla vita eterna. Questa è una certezza Luigi, sai è un po come un uccellino che canta pur trovandosi in mezzo ai rovi con spine. Comunque sia, per poter comprendere la sofferenza degli altri devi prima essere passato tu per quel crogiolo, solo dopo puoi capire quanto dolore e angoscia c'è in un cuore sofferente. Il dolore ti fa aprire gli occhi che prima tenevi chiusi.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa