martedì 23 ottobre 2012

LA POTENZA DEL ROSARIO

"LA POTENZA DEL ROSARIO"

Diverse volte si è discusso della "Potenza del Santo Rosario" e tutte le volte ho voluto partecipare agli interventi in quanto per me questa preghiera rappresenta la più completa e se recitata con il cuore diventa un'arpa che innalza melodie al Trono di Dio.
Poi,diventa un'arma potentissima se viene recitata con fervore e
perseveranza.
Ogni AVE MARIA, infatti, è una lancia al cuore di SATANA, e lui non solo si accascia dinanzi a questa preghiera ma alcune volte se viene recitata con vera devozione "FUGGE". Il Santo Rosario è una preghiera semplice e completa perché ci fa partecipare con MARIA alla contemplazione dei misteri della vita di Gesù. Infatti è anche definito il Vangelo dei poveri perché in esso si meditano i "misteri" dell'infanzia, della vita pubblica e della passione, morte risurrezione di Gesù, in compagnia della Madre Sua, ci aiuta a scoprire il valore della nostra stessa vita. Infatti, il nostro amatissimo e indimenticabile Giovanni Paolo II, proponendo il Rosario rinnovato,
ha invitato tutti a riscoprirne la bellezza. Una preghiera molto bella (di Bartolo Longo) che viene recitata nella Supplica alla Madonna dice: "O Rosario Benedetto di Maria, catena dolce che ci rannoda a Dio, vincolo d' amore che ci unisce agli Angeli, torre di salvezza negli assalti dell' inferno, porto sicuro nel comune naufragio, noi non ti lasceremo mai più.
Tu ci sarai conforto nell'ora dell'agonia, a te l' ultimo bacio della vita che si spegne.
E l' ultimo accento delle nostre labbra sarà il Nome Tuo soave, o Regina del Rosario , o Madre nostra cara, o rifugio dei peccatori Sovrana consolatrice dei mesti. Sii ovunque Benedetta, oggi e sempre, in Cielo e in terra. Amen.
Conclusione,non esiste preghiera al mondo che possa sostituire il Santo Rosario.
Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa