domenica 4 settembre 2011

IO MANDO UN ANGELO DAVANTI A TE




Siamo in settembre, mese dedicato agli Angeli;  il Beato Giovanni Paolo
II, riferendosi agli Angeli diceva: "Nostro desiderio è che si accresca la
devozione agi Angeli Custodi".

Ma chi sono gli Angeli? Dice il Signore Dio: "Io il Signore, con le mani ho
disteso i cieli e do ordine a tutte le loro schiere (gli Angeli)" (Is 45,12).

L'Angelo è la prima creazione di Dio, esso ha un solo contenuto vitale:
Dio. L'anima della sua anima è Dio. Lo ama, lo vede, lo loda, lo serve; perciò 
è amore, è adorazione, è contemplazione, è servizio. E' puro spirito. 
Tutto l'Antico Testamento e anche il Nuovo è percorso dalla presenza di
Angeli di Dio come collaboratori del Suo piano d'amore e di salvezza."Il
Signore darà ordine per te ai suoi Angeli..." (Salmo 90).

TUTTI ABBIAMO ACCANTO UN ANGELO
Gli Angeli sono al centro di ogni esperienza spirituale; quando cadiamo
nel buio dell'aridità spirituale, ci vengono in aiuto: sono i compagni fedeli, sono
i nostri Angeli custodi.
Gli Angeli conducono in Paradiso l'anima che entra nel buio della morte.
L'uomo carnale e materiale non li saprebbe incontrare; dinanzi a lui 
svaniscono.
Occorre avere sempre aperti gli occhi del cuore e accesa la lampada della
fede se si vuole incontrare l' angelo. Il nostro Angelo ci salutò sicuramente
 dopo il Battesimo salutandoci con le stesse parole rivolte alla Madonna: 
"Sia gioia a te, o anima piena di grazia". Si lui è l'Angelo che ci 
accompagnerà per tutta la vita terrena e ci sarà accanto nell'estremo momento,
 nella morte, quando ci presenteremo all'incontro con Dio. 

La vita dei Santi è incorniciata dalla presenza degli Angeli!  Pensate
a S. Pio da Pietralcina che usava i suoi angioletti come postini, e
Santa Maria Francesca che non iniziava nessuna attività se prima non
si era consultata con il suo Angelo. In breve, l'Angelo ci è vicino e
ci accompagna.

Io mando un Angelo davanti a te...
Quando professiamo la nostra fede noi diciamo: "Credo in un solo Dio, Padre
onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili..."
Le cose invisibili sono appunto gli Angeli e l'anima di ogni uomo che il Padre
crea ad immagine e somiglianza della SS. Trinità.


Recitiamola tutti i giorni...
il nostro Angioletto Custode va pregato, amato e lodato.
Crediamoci fermamente, ne sentiremo tanti benefici.

O santo angelo custode,
abbi cura dell’anima mia e del mio corpo.
Illumina la mia mente perché conosca  meglio il Signore
e lo ami con tutto il cuore.
Assistimi nelle mie preghiere perché non ceda alle distrazioni
ma vi ponga la più grande attenzione.
Aiutami con i tuoi consigli, perché veda il bene
e lo compia con generosità.
Difendimi dalle insidie del nemico infernale e sostienimi nelle tentazioni
perché riesca sempre vincitore.
Supplisci alla mia freddezza nel culto del Signore:
non cessare di attendere alla mia custodia
finché non mi abbia portato in Paradiso,
ove loderemo insieme il Buon Dio per tutta l’eternità.

San Pio di Pietrelcina


Ave Maria!

Elaborato da: Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa