martedì 16 agosto 2011

MEDJUGORJE LA CITTA' DI MARIA




Medjugorje la città di Maria: Ivan Dragicevic, Marija Pavlovic, don Primo Marinuzzi e Mirjana Dragicevic

"Siate voi stessi un segno vivo della mia presenza"
"Medjugorje, trent'anni di apparizioni. Intervista esclusiva al veggente Ivan"

Perché appare da così tanto tempo?

«Perfino dei vescovi mi hanno fatto questa domanda.
C'è chi dice che i messaggi della Vergine sono ripetitivi
e chi obbietta che il credente non ha bisogno delle apparizioni,
perché le verità di fede e quanto serve per la salvezza sono
già contenuti nella Bibbia, nei Sacramenti e nella Chiesa.
Ma la Gospa risponde con un'altra domanda: "È vero:
tutto è già dato; ma voi vivete veramente le Sacre Scritture,
vivete l'incontro con Gesù vivo nell'Eucaristia?". Certamente
i suoi messaggi sono evangelici; il problema è che non viviamo
il Vangelo. Lei parla un linguaggio semplice, accessibile, e si ripete
con sconfinato amore, perché sia chiaro che vuole raggiungere tutti.
Si comporta come una mamma quando i figli non studiano o li vede
perdersi dietro a cattive compagnie... "Voi parlate tanto, ma non vivete".
La fede non è un bel discorso, ma vita incarnata, e la Madonna ci suggerisce:
"Siate un segno vivo; pregate, perché si realizzino i progetti di Dio,
per il bene vostro e di chi vi è caro, per il mondo intero". Ci vuole tutti santi».

http://www.oggi.it/focus/attualita/2011/06/22/medjugorje-trentanni-di-appariz...

Intervista a Marija Pavlovic

Questo è un momento difficile?

Marija:Io non penso questo. Io vedo che il mondo soffre per tante cose:
la guerra, le malattie, la fame. Ma vedo anche che Dio ci sta dando tanti
aiuti straordinari, come le apparizioni quotidiane a me, Vicka e Ivan.
E so che la preghiera può tutto. Quando, dopo le prime apparizioni,
dicevamo che la Madonna invitava a recitare il rosario tutti i giorni
e a digiunare, ci sembrava di essere come dire?, antiquati (ride, ndr):
anche da noi il rosario era una tradizione superata da un paio di generazioni.
Eppure quando è scoppiata la guerra abbiamo capito perché la Madonna
ci diceva di pregare per la pace. E abbiamo visto, per esempio, che a Spalato,
dove l'arcivescovo aveva accolto subito il messaggio di Medjugorje
e aveva fatto pregare per la pace, la guerra non è arrivata. Per me
è un miracolo, disse l'arcivescovo.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa