sabato 18 giugno 2011

Gloria al Padre al Figlio e allo Spirito Santo

Gloria al Padre, al Figlio, allo Spirito Santo.

Oggi la  Chiesa celebra il mistero della Trinità, mistero infinitamente distante da noi, povere
creature, la Trinità ha voluto chinarsi su di noi per redimerci, per santificarci e renderci partecipi
della Sua natura divina e della Sua beatitudine. Il Padre e lo Spirito Santo ci hanno tanto amati
da darci il Verbo; il Padre e il Verbo con il loro amore incommensurabile ci hanno dato lo
Spirito Santo. Amore grande, unico che inizia con il Battesimo e viene rinnovato con la Cresima
(confermazione), non è passeggero ma perdura nella nostra anima (Gv 14,23-31) .

Amatissimi, si,noi crediamo in un Dio che si presenta come comunione di amore
per dire che ci ama e ci esorta ad imitarlo.
Lui ci ama, ci ha creati, ci ha plasmati e preparati alla missione che ognuno
di noi deve compiere per Lui nel tempo. Apriamo il nostro cuore e lasciamo
entrare quel Fuoco che brucia come roveto ardente ma non consuma, anzi ci farà
riposare e ci illuminerà diventando il centro della nostra vita. Anche le croci
diventano leggeri perché il nostro cuore è ricolmo di felicità. Il cuore è
talmente ricolmo che diventa come un vaso che sta per traboccare. In Te Signore,
mio adorato trovo tutto... la delizia del creato, la pace, la serenità, la
gioia... mi sento appagata di tutto... la mia anima non cerca altro. Credetemi,
vorrei che ogni anima provasse le mie stesse sensazioni e vivere in questo
Amore. Signore mio, Padre, Figlio e Spirito Santo, manda le Tue grazie su tutti
coloro che non Ti conoscono, per coloro che il nemico ha distratto e sedotto
conducendoli sulla via della perdizione... fa o mio Dio che le coscienze si
risveglino e volino nel Tuo Cuore ansiose di ricongiungersi a restare sempre con Te.
Tu mio Signore, ci hai creati anime libere consapevoli di dire si oppure dire
 
no al proprio destino. Siamo esseri liberi di volare verso il Cielo oppure
restare ad infangarci nel fango del mondo e perderci.
La vita cristiana è proprio questa riconoscere l' Amore di Dio è credervi.
Benedetto XVI nella sua enciclica Deus charitas est ha detto: "Davanti alla
Trinità le nostre parole sono sempre povere e nascono tante domande. Eppure è un
mistero di cui abbiamo esperienza: nell'amore umano succede qualcosa di simile
esempio: due che si amano diventano una cosa nuova pur rimanendo se stessi,
scaturisce una realtà che prima non esisteva, come una scheggia di Dio che
penetra nel nostro profondo della nostra anima che giorno dopo giorno viene
plasmata fino ad essere una cosa sola.
O Santissima Trinità, mistero sconfinato e inesauribile di amore e di bontà che col Santo Battesimo hai posto la Tua Dimora nel mio cuore fa che ogni giorno io possa adorarti e vivere in piena comunione con TE

Maria Maistrini
 

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa