martedì 14 dicembre 2010

Non saremo mai felici e in pace gli uni senza gli altri, e ancor meno gli uni contro gli altri.



Anche il Papa come la Madonna, ci invita a recitare il Rosario possibilmente ogni giorno, singolarmente, comunitariamente e nelle famiglie, affinché il mondo sia preservato dall'iniquo flagello del terrorismo. Quante volte la Madonna ci ha richiamati in questi lunghi anni di apparizioni di perseverare nella preghiera e in particolare nella recita del santo Rosario...La Regina della Pace e il suo Figlio dolcissimo camminano affiancati nella guida del popolo di Dio. Oggi
più che mai c'è bisogno di preghiere per questo nostro mondo
sconvolto dalla guerra, dalla paura, dall'ingiustizia, dalla miseria e dall'indifferenza. Quindi armiamoci della nostra corona e innalziamo preghiere al Trono dell'Altissimo per la pace nel mondo e per la conversione dei poveri peccatori...al tempo stesso sottolineo che il Rosario è contemplazione di Cristo nei suoi misteri, in intima unione alla Vergine Maria e chi meglio di Maria, ci può accompagnare in questo cammino terreno? Amatissimi tutti e figli della Regina della pace, vi invito con tutto il cuore ad unire la nostra fervente preghiera
al Signore per intercessione di Maria Regina della pace affinchè questo nostro mondo martoriato possa essere un luogo di comunione di anime e di prosperità. Non saremo mai felici e in pace gli uni senza gli altri, e ancor meno gli uni contro gli altri.
Ave Maria!
Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa