domenica 26 gennaio 2014

Preghiamo per quelli che sono lontani dall'amore di Dio

Preghiamo per tutte quelle persone che sono lontani dall'amore di Dio .

La Regina della pace in quasi tutti i suoi messaggi ci invita alla preghiera,
affinché il riflesso della nostra preghiera sia un faro che illumina tutti
quelli che incontriamo.
Purtroppo sono molti quelli che non pregano e non temono Dio e non hanno carità verso il prossimo...Anzi molti abusano del potere loro concesso
dal Signore per opprimere i propri fratelli...Tanti hanno il cuore chiuso alle
sventure degli altri, non spendono neppure una parola per sollevarle!
La giustizia è manomessa, e quelli che hanno autorità se ne servono non
per dare gloria a Dio, ma solo per consolare la loro naturale superbia,
aggravando la propria anima giorno dopo giorno dalle innumerevoli colpe.
Quante povere creature, aspettano invano la giustizia degli uomini che mai
mai arriverà.... Poveri stolti, che credono di aver toccato il cielo con un dito, ma non hanno capito che Dio tiene conto delle singole nostre opere, e raccoglie una ad una le lacrime dei fratelli non ascoltati e aiutati.

 Maria Maistrini


Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa