sabato 10 marzo 2012

Attirami a Te Gesù

ATTIRAMI A TE GESÙ!

"Credere nel Cristo crocifisso significa credere che l'amore è presente nel mondo e che questo amore è più potente di ogni genere di male in cui l'uomo, l'umanità, il mondo sono coinvolti".
(Dives in misericordia 7)

"Amour meus Crucifixus est" , contemplando il Cristo Crocifisso nasce il nostro impegno per una più salda unione spirituale con tutta la Chiesa. Davanti alla Croce, contemplando il Volto adorabile
del Salvatore e facendo del Crocifisso il nostro unico amore ci adoperiamo anche nel servizio ai poveri. La Croce è amore...si resta affascinati dal Cristo crocifisso si comprende un fatto essenziale
"Mi ha amato e ha dato se stesso per me" (Gal 3,20)... Più ti guardo amore mio e più mi conformo a Te: "Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me" (Gal 2,20).

Si, contemplando il Cristo in croce, si è trasformati, il proprio "io" annullato si è completamente purificati fino a sentirsi inseriti nell'Altro. Diventiamo così "uno in Cristo" (Gal 3,28).

Gesù è capace di attrarre a sè chiunque, nel segno della Croce.

Ave Maria!

Maria Maistrini

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa