mercoledì 17 agosto 2011

Il Papa ha concesso il dono dell'indulgenza plenaria ai partecipanti alla Gmg


Indulgenza plenaria ai partecipanti alla Gmg


Il Papa ha concesso il dono dell’Indulgenza plenaria a quanti si recheranno in spirito di pellegrinaggio a Madrid in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù in programma dal 16 al 21 agosto. La Penitenzieria Apostolica ha pubblicato il relativo Decreto in cui si stabilisce anche che “potranno conseguire l’Indulgenza parziale tutti coloro che, ovunque si trovino, pregheranno per i propositi spirituali di questo incontro e per il suo felice esito”. Per ottenere l’Indulgenza occorre confessarsi, ricevere la Comunione e pregare secondo le intenzioni del Papa con la volontà di non peccare più.





PENITENZIERIA APOSTOLICA


MADRID


DECRETO


Si concede l’Indulgenza plenaria ai fedeli che, in occasione della "XXVI Giornata Mondiale della Gioventù", confluiranno a Madrid in spirito di pellegrinaggio; potranno anche conseguire l’Indulgenza parziale tutti coloro che, ovunque si trovino, pregheranno per i propositi spirituali di questo incontro e per il suo felice esito.


È recentemente pervenuta alla Penitenzieria Apostolica la supplica di Sua Eminenza Reverendissima Antonio María Rouco Varela, Cardinale Arcivescovo di Madrid e Presidente della Conferenza dei Vescovi di Spagna, affinché i giovani possano ottenere gli sperati frutti di santificazione dalla "XXVI Giornata Mondiale della Gioventù", che si celebrerà dal 16 al 21 del corrente mese di Agosto, nella capitale spagnola, e che avrà per tema: "Radicati e fondati in Cristo, saldi nella fede" (cfr Col 2, 7).


La Penitenzieria Apostolica, avendo esposto al Santo Padre queste considerazioni, è stata munita di speciali facoltà per elargire, mediante il presente Decreto, il dono dell’Indulgenza, secondo la mente dello stesso Pontefice, come segue:


Si concede l’Indulgenza plenaria ai fedeli che devotamente parteciperanno a qualche sacra funzione o pio esercizio da svolgersi a Madrid durante la "XXVI Giornata Mondiale della Gioventù" e alla sua solenne conclusione, purché, confessati e veramente pentiti, ricevano la Santa Comunione e piamente preghino secondo le intenzioni di Sua Santità.


Si concede l’Indulgenza parziale ai fedeli, ovunque si trovino durante il predetto incontro, se, almeno con animo contrito, eleveranno le loro preghiere a Dio Spirito Santo, affinché spinga i giovani alla carità e dia loro la forza di annunziare con la propria vita il Vangelo.


Affinché poi i fedeli possano più facilmente farsi partecipi di questi celesti doni, i sacerdoti, legittimamente approvati per l’ascolto delle confessioni sacramentali, con animo pronto e generoso si prestino a riceverle e propongano ai fedeli pubbliche preghiere per il buon esito della stessa "Giornata Mondiale della Gioventù".


Il presente Decreto ha validità per questa ricorrenza. Nonostante qualunque contraria disposizione.


Dato in Roma, dalla sede della Penitenzieria Apostolica, il 2 Agosto, anno dell’Incarnazione del Signore 2011, nella pia memoria della "Porziuncola".


Fortunato Card. Baldelli
Penitenziere Maggiore


+ Gianfranco Girotti, O.F.M. Conv.
Vescovo tit. di Meta, Reggente

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa