sabato 1 maggio 2010

MARIA...

Ricordati che, per l'attuazione del suo disegno di salvezza, Dio ha bisogno che anche tu ti consegni a lui, come ha fatto Maria, con tutta umiltà e disponibilità.
Come Maria è stata chiamata a generare il Cristo, così anche tu, sebbene in modo diverso, hai il compito di incarnarlo nella tua persona fino a ripetere con San Paolo: "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me" (Gal 2,20).
Onora nella tua vita Maria Santissima, poichè chi non onora la Madre, disonora il Figlio (Lv 20,9). La devozione a Maria Santissima è segno di predestinazione; essa ti infonderà una dolce speranza nel momento della morte.
Come Gesù è venuto a te per mezzo di Maria, così è giusto che tu vada a Gesù per mezzo di lei.

Ricordati, o Vergine Santissima, che dall'eterna bontà e provvidenza sei stata eletta come Madre di grazia, di pietà e avvocata mia. Dopo tuo Figlio non ho più sicuro e potente
ricorso che a te. Nessuno ti ha mai invocato con fede che tu non l'abbia esaudito.
Vergine Santa, dimora incorruttibile del Verbo di Dio, liberami dalla corruzione del peccato; santuario dello Spirito Santo, aiutami a sottomettermi a lui perchè si compia in me la sua volontà.
Accoglimi, o Madre mia, come compagna del tuo sollecito viaggio in aiuto dei fratelli; insegnami a cercare dolente il tuo Figlio qualora lo avessi perduto; fammi vivere accanto a te con Gesù nel silenzio di Nazareth.
Intercedi per me presso il tuo Figlio come nelle nozze di Cana; fà che ti segua sulla via del Calvario, e pianga con te ai piedi della croce; aiutami a pregare assieme a te nel Cenacolo con la
Chiesa nascente.
Ave Maria!

Nessun commento:

Posta un commento

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa