mercoledì 15 luglio 2009

16 luglio Madonna del Carmelo


16 Luglio - Madonna del Monte Carmelo. - France. Lourdes. 18ª ed ultima apparizione

L'apparizione della Madonna del Monte Carmelo a San Simon Stock

L'Ordine del Carmelo si dà una origine tanto antica, come gloriosa ; si crede, non senza serie ragioni, che questo Ordine non sia che la continuazione della scuola istituita sul Monte Carmelo dal profeta Elia. I discepoli di questa scuola si trovarono in prima fila tra i convertiti al nascente cristianesimo ed il Carmelo divenne la culla della vita monastica dopo Gesù Cristo. Dopo la dispersione degli Apostoli, nell'anno 38, costruirono una cappella in onore di Maria e si votarono a celebrarne specialmente le Sue lodi.

Più tardi, avreebbro dovuto soffrire molto da parte dei Saraceni e dei Mussulmani, quando la Francia, di concerto con tutta l'Europa, intraprese le Crociate che avevano come scopo quello di strappare i Luoghi Santi agli infedeli. Fu in occasione delle privazioni subite dall'Ordine del Carmelo, che i Carmelitani vennero in Francia con il re san Luigi. Vi stabilirono diverse case e ne andarono ad impiantare alcune persino in Inghilterra.

San Simon Stock divenne, nel 1245, superiore generale dei Carmelitani e fece tutti gli sforzi possibili per riaccendere la devozione a Maria nel suo Ordine. La Vergine gli apparve nell'aurora del 16 luglio accompagnata da una moltitudine di angeli, circondata di luce e vestita con l'abito del Carmelo. Si mise, lei stessa, uno scapolare dell'Ordine, dicendo : « Questo è un privilegio per te e per tutti i Carmelitani. Chiunque morirà portandolo non soffrirà il fuoco eterno. » Il Santo fece dei miracoli per confermare la realtà di questa visione.

Questa fu l'origine della Confraternita della Madonna del Monte Carmelo, per i cristiani che, non potendo abbracciare la Regola, vogliono attrarre su di sé le benedizioni promesse allo scapolare.

Il privilegio più considerevole accordato alla Confraternita del Monte Carmelo, dopo quello che Maria fece conoscere a San Simon Stock, è quello che fu rivelato al Papa Giovanni XXII : la liberazione del purgatorio, il sabato dopo la morte, dei confratelli del Monte Carmelo fedeli allo spirito ed alle regole della Confraternita.


Tratto dall'Abate L. Jaud,
Vie des Saints pour tous les jours de l'année, "Vita dei santi per tutti i giorni dell'anno"
Tours, Mame, 1950.




Ave Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesú. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte.
Amen.

1 commento:

  1. La celebrazione della Madonna del Carmelo - quindi - è la festa dell’Ordine Carmelitano e di quanti sono uniti al Carmelo nel riconoscere Maria quale sorgente di ogni bene in Cristo, e quale modello evangelico nel vivere l’ideale della preghiera contemplativa. Contemporaneamente la festa predica la certezza di fede nell’aiuto di grazia di Maria. L’amore particolare e la fedele imitazione danno sicura speranza che Colei che ha l’ufficio di essere "Madre nell’ordine della grazia....ha cura dei fratelli del Figlio ancora peregrinanti e posti in mezzo a pericoli ed affanni fino a che non siano introdotti nella patria beata" (LG. 61,62).

    RispondiElimina

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa