martedì 28 ottobre 2014

Nella commemorazione dei defunti il valore delle indulgenze

NELLA COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI
IL VALORE DELLE INDULGENZE
PICCOLO MANUALE DELLE INDULGENZE AD USO DEI FEDELI
ESTRATTO DAL MANUALE DELLE INDULGENZE
LIBRERIA EDITRICE VATICANA
CITTA’ DEL VATICANO
Quanto segue è tratto dall'Enchiridion indulgentiarum o Manuale delle indulgenze, pubblicato su Acta Apostolicae Sedis il 29 luglio 1968.
La Santa Madre Chiesa, mentre di nuovo raccomanda ai suoi fedeli l’uso delle indulgenze, come cosa carissima al popolo cristiano per molti secoli e anche ai nostri giorni, a quanto attesta l’esperienza, non intende assolutamente diminuire il valore degli altri mezzi di santificazione e di purificazione ed in primo luogo del sacrificio della Messa e dei sacramenti, specialmente del sacramento della penitenza. Né vuole diminuire l’importanza di quegli aiuti abbondanti, che sono i sacramentali, e delle opere di pietà, di penitenza, di carità. Tutti questi mezzi hanno in comune che tanto più efficacemente causano la santificazione e la purificazione quanto più strettamente il fedele si unisce a Cristo capo e al corpo della Chiesa con la carità. La preminenza della carità nella vita cristiana è confermata anche dalle indulgenze. Le indulgenze, infatti, non possono essere acquistate senza una sincera conversione e senza l’unione con Dio, a cui si aggiunge il compimento delle opere prescritte. Viene conservato dunque l’ordine della carità, nel quale si inserisce la remissione delle pene per la distribuzione del tesoro della Chiesa.
L’indulgenza è la remissione dinanzi a Dio della pena temporale per i peccati, già rimessi quanto alla colpa, che il fedele, debitamente disposto e a determinate condizioni, acquista per intervento della Chiesa, la quale, come ministra della redenzione, autoritativamente dispensa e applica il tesoro delle soddisfazioni di Cristo e dei Santi.
L’indulgenza è parziale o plenaria secondo che libera in parte o in tutto dalla pena temporale dovuta per i peccati.
Nessuno può applicare le indulgenze che acquista ad altri che siano ancora in vita.
Le indulgenze, sia parziali che plenarie, possono essere applicate ai defunti a modo di suffragio.
La concessione di una indulgenza parziale è indicata con le sole parole "Indulgenza parziale", senza alcuna determinazione di giorni o di anni.
Il fedele, che almeno con cuore contrito compie un’azione alla quale è annessa l’indulgenza parziale, ottiene, in aggiunta alla remissione della pena temporale che percepisce con la sua azione, altrettanta remissione di pena per intervento della Chiesa.
L’indulgenza plenaria può essere acquistata una sola volta al giorno.
Il fedele potrà tuttavia acquistare l’indulgenza plenaria in articolo mortis anche se nello stesso giorno abbia già acquistato altra indulgenza plenaria.
L’indulgenza parziale invece può essere acquistata più volte al giorno, salvo esplicita indicazione in contrario.
L’opera prescritta per lucrare l’indulgenza plenaria annessa ad una chiesa o ad un oratorio consiste nella devota visita di questi luoghi sacri, recitando in essi un Padre Nostro ed un Credo.
Per acquistare l’indulgenza plenaria è necessario eseguire l’opera indulgenziata e adempiere tre condizioni: confessione sacramentale,comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice. Si richiede inoltre che sia escluso qualsiasi affezione al peccato anche veniale.
Se manca la piena disposizione o non sono poste le tre condizioni, l’indulgenza è solamente parziale, salvo quanto è prescritto nelle norme 34 e 35 per gli impediti.
Le tre condizioni possono essere adempite parecchi giorni prima o dopo di aver compiuto l’opera prescritta; tutta via è conveniente che la comunione e la preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice siano fatte nello stesso giorno in cui si compie l’opera.
Con una sola confessione sacramentale si possono acquistare più indulgenze plenarie; invece, con una sola comunione eucaristica e una sola preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice si può acquistare una sola indulgenza plenaria.
Si adempie pienamente la condizione della preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice, recitando, secondo le sue intenzioni, un Padre Nostro ed un’Ave Maria; è lasciata tuttavia libertà ai singoli di recitare qualsiasi altra preghiera secondo la pietà e la devozione di ciascuno.
Non si può acquistare un’indulgenza con un’opera che si è obbligati a compiere per legge o precetto, a meno che nella concessione non si dica espressamente il contrario. Tuttavia chi compie un’opera che gli è stata ingiunta come penitenza sacramentale, può nello stesso tempo soddisfare alla penitenza ed acquistare l’eventuale indulgenza annessa a quell’opera.
L’indulgenza annessa ad una preghiera può essere acquistata in qualunque lingua essa venga recitata, purché consti della fedeltà della versione per dichiarazione o della Sacra Penitenzieria o di uno degli Ordinari o Gerarchi dei luoghi dove è comunemente parlata quella lingua.
Per l’acquisto dell’indulgenza annessa ad una preghiera basta recitarla alternativamente con un altro o seguirla mentalmente mentre un altro la recita.
CONCESSIONI GENERALI
  1. Si concede l’indulgenza parziale al fedele che, nel compiere i suoi doveri e nel sopportarle le avversità della vita, innalza con umile fiducia l’animo a Dio, aggiungendo, anche solo mentalmente, una pia invocazione.
  2. Si concede l’indulgenza parziale al fedele che, con spirito di fede e con animo misericordioso, pone se stesso o i suoi beni a servizio dei fratelli che si trovino in necessità.
  3. Si concede l’indulgenza parziale al fedele che, in spirito di penitenza, si priva spontaneamente e con suo sacrificio di qualche cosa lecita.
LE INDULGENZE PER I DEFUNTI
2 NOVEMBRE [Indulgenza applicabile solo per i defunti] Dal mezzogiorno del giorno 1 (Festa di tutti i Santi), 
fino alla mezzanotte del giorno due.
Opera prescritta: Visita alla chiesa parrocchiale, recitando Il Padre Nostro e il Credo; oppure si può lucrare 
come scritto qui sotto, dall’ 1-8 Novembre facendo visita in cimitero.
Applicate le condizioni richieste: Confessione – Comunione – Preghiera per il Papa – 
Distacco dal peccato anche veniale.
1 – 8 NOVEMBRE FACENDO VISITA AL CIMITERO [Indulgenza applicabile solo ai defunti!]. 
Applicate le condizioni richieste: Confessione – Comunione – Preghiera per il Papa – 
Distacco dal peccato anche veniale. 
“I fedeli che fanno visitano il cimitero e pregano, anche solo mentalmente per i defunti, possono lucrare, 
una volta al giorno, l’indulgenza plenaria”.
"Tutto per il Cuore di Gesù, attraverso il Cuore di Maria"

Maria Maistrini

lunedì 13 ottobre 2014

Il segno di Giona

Gesù è Giona stesso , un unica figura in una sola verità ,venuto nel nostro mondo per portare il segno della sua misericordia in tutta quanta la Chiesa che è la sua generazione . Vi si allude a una presenza del Signore , oggi come un tempo improvvisato nei tre giorni , è il tempo in cui il Figlio dell’uomo ci dà la possibilità di amare , convertirci , pregare dal nostro scetticismo che minaccia la Chiesa e la nostra vita privata . Perchè proprio Giona ? E’ il profeta della purezza, della rivelazione che ci “ingremba” nel’ ascolto della Parola di Dio , i quali serve ad uscire dal nostro edonismo secolare , ma non prima di aver passato la Ninive della nostra sofferenza e morte per introdurci nella pasqua di Cristo . Lo scetticismo in una comunità e presente , perchè in tanti momenti di storia cristiana ci siamo racchiusi nelle nostre raccomandazioni morali , ed ecco come la luce del Signore può portarci al senso della propria antropologia che sempre ha cura dei sofferenti , dei poveri e degli stessi emarginati . “Una generazione perversa” (Lc.11.29) come ci dice il vangelo oggi ancora c’è , ha solo bisogno di discernere nel’ atto della sua dimensionalità per vedere l’unico segno di Dio essere pace e speranza per i nostri giovani ma sopratutto anziani , in questo modo la società và avanti e trova la sua espressione certa della sua guida ,perchè siamo certi di camminare davanti alla strada della sua vita e della propria carne.

giovedì 2 ottobre 2014

Coroncina alla Divina Misericordia





H.15 - H.3
PREGHIAMO LA CORONCINA PER I MORIBONDI,
PER GLI AMMALATI DI SPIRITO E DI CORPO..
INVOCHIAMO UNITI LA DIVINA MISERICORDIA
SU NOI E SU TUTTO QUELLO CHE ABBIAMO NEL CUORE.....
REGINA DELLA PACE PREGA PER E CON NOI!.

mercoledì 1 ottobre 2014

2 ottobre festa degli Angeli custodi

Vi regalo questa scheda che potete salvare e regalare ai vostri bimbi
che la coloreranno e nel comtempo mentre le loro manine colorano
parlate loro degli Angeli Custodi, di questi amici invisibili agli occhi e
visibili al cuore che il Signore ha posto accanto ad ogni bimbo dall'attimo in cui è venuto al mondo, per custodirli, illuminarli e
preservarli da ogni pericolo.



2 ottobre
Festa degli Angeli custodi
Gli Angeli sono i messaggeri di Dio









So che c'è un Angelo con me
che mi cammina a fianco
puro soave e bianco
se l'aiuto io gli chiedo
Lui mi aiuta e non lo vedo.
"Tutto per il Cuore di Gesù, attraverso il Cuore di Maria" 
_______________________________________________________

Il Santo Rosario del Vaticano...pregate con me!!!







http://farm2.static.flickr.com/1159/558258166_17430cdb60.jpg





Esposizione dei misteri

Il Rosario è composto di venti "misteri" (eventi, momenti significativi) della vita di Gesù e di Maria, divisi dopo la Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, in quattro Corone.

La prima Corona comprende i misteri gaudiosi (lunedì e sabato), la seconda i luminosi (giovedì), la terza i dolorosi (martedì e venerdì) e la quarta i gloriosi (mercoledì e domenica).

«Questa indicazione non intende tuttavia limitare una conveniente libertà nella meditazione personale e comunitaria, a seconda delle esigenze spirituali e pastorali e soprattutto delle coincidenze liturgiche che possono suggerire opportuni adattamenti» (Rosarium Virginis Mariae, n. 38).

Per aiutare l'itinerario meditativo-contemplativo del Rosario, ad ogni "mistero" sono riportati due testi di riferimento: il primo della Sacra Scrittura, il secondo del Catechismo della Chiesa Cattolica.



Archivio blog

Le omelie di Padre Raniero Cantalamessa